Angelo Rossi Mori e la “e-health governance”

“Sostenibilità e qualità non sono necessariamente due obiettivi contrapposti in una visione olistica della salutecon queste parole Angelo Rossi Mori, ricercatore presso l’Unità di Sanità elettronica dell’Istituto Tecnologie Biomediche del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), impronta la sua visione sulla governance della salute in rete e ci spiega che esistono soluzioni compatibili e ottimizzate sia per quanto riguarda le risorse, sia per ciò che riguarda i costi secondo il cosiddetto “meaningful use”.

“Un uso ottimale delle risorse informative permetterebbe di offrire servizi sociali e sanitari potenziati dalla tecnologia e nello stesso tempo di gestire tempestivamente indicatori di governance derivati dai dati di routine dei processi assistenziali. Le soluzioni esistenti risentono della frammentazione “storica” della domanda e delle difficoltà, ormai in gran parte superabili grazie alla disponibilità di standard specifici, di ottenere una forte interoperabilità tra sistemi eterogenei. E’ oggi opportuno concentrare gli sforzi su un insieme coerente di processi rilevanti e riproducibili, sui quali il programmatore sanitario è impegnato a modificare i modelli organizzativi coinvolti, come per esempio la gestione integrata delle principali malattie croniche e della fragilità. In questi contesti le Regioni e le Aziende Sanitarie possono individuare nel dettaglio i “punti di interazione” critici tra gli attori e le informazioni che dovrebbero essere condivise per garantire sia la continuità dell’assistenza e il coinvolgimento attivo dei cittadini, sia la costruzione di cruscotti efficaci per i manager.”

Angelo Rossi Mori è impegnato attivamente nello studio dei principi alla base delle politiche sociali e sanitarie potenziate da una diffusione equilibrata e pervasiva delle tecnologie, attraverso strategie di “Salute in Rete” riguardanti interoperabilità semantica e fascicolo sanitario, con focus su malattie croniche e anziani. Per conto dell’Agenas e del Formez opera come formatore e affianca amministrazioni locali e assessorati sui temi della sanità elettronica e della telemedicina. E’ membro del Board of Directors di EHTEL (European Health Telematics Association) e della Task Force dell’OCSE su benchmark internazionali per la telemedicina.

Da anni partecipa a progetti europei (tra cui: GALEN, KAVAS, IREP, C-CARE, WIDENET, EHR-Q-TN, ERA eHealth, RIDE, ANCIEN) e nazionali (IGEA, ICTUS). Sugli standard, ha contribuito a creare CEN/TC251 e ISO/TC215; in HL7 è stato membro del Technical Steering Committee e co-chair del Templates SIG.

Angelo Rossi Mori parteciperà al Convegno organizzato da ClubTi Centro per il prossimo 30 novembre 2012 dal titolo “ICT AL SERVIZIO DEL CITTADINO: SANITA’ & WELFARE” e in quella sede avremo modo di approfondire più compiutamente il concetto della e-health governance attraverso l’intervento che terrà dal titolo “Governare il fenomeno della salute in rete”.

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter

Un Commento a “Angelo Rossi Mori e la “e-health governance””

  1. [...] TROJANI – SAURO LONGHI – ANGELO ROSSI MORI – SERGIO PILLON – GIOVANNI LIBERTINI – MARCO MAZZANTI – FRANCESCO [...]

Lascia un Commento


6 × = venti quattro